Corso di Etologia e tesi di laurea


AVVISI

Si avvisano gli studenti che le lezioni del Corso di Etologia inizieranno martedì 6 marzo 2018 e si terranno ogni martedì e giovedì, dalle ore 17.00 alle ore 19.00 in Aula Grassi che si trova al terzo piano dell’Edificio di Anatomia Comparata. Per informazioni contattare la Dottoressa Irene Pistella (tel: 06 4990 3285; e-mail: irene.pistella@iss.it)

 

Gli studenti interessati a colloqui informativi su temi inerenti il corso (o per l’orientamento professionale più in generale) sono invitati a prendere appuntamento telefonico allo 06.4990.2352\3179 con la dr.ssa Stella Falsini tra le 9:40 e le 14:00 dal lunedì al venerdì. I colloqui si terranno presso la Direzione del Centro di riferimento per le scienze comportamentali e la salute mentale, Palazzina 19, Piano D, stanza 2, ISS.

Per studenti non residenti a Roma colloqui telefonici dietro appuntamento si sono rivelati altrettanto efficaci.

Erasmus and international students are welcomed to call +39.06.4990.2352 between 9.30 am and 2 pm, Rome time, for details on stages, courses, weekly seminars, etc.

Da vari anni, e su proposta operativa e gestionale di studenti al terzo anno di Corso, è stata aperta ed è utilmente attiva la Pagina Facebook CORSO ETOLOGIA LA SAPIENZA: si suggerisce agli studenti interessati all’etologia di collegarsi. Oltre a informazioni didattiche e pratiche sulle attività del Corso di Etologia e alla sua storia recente, è stata e augurabilmente sarà in futuro occasione per organizzare escursioni a Roma e in Toscana, suggerimenti per letture, seminari e attività di integrazione e sussidio alla didattica. Se ne è è operosamente occupata Silvia Miglietta, al momento iscritta alla Laurea Magistrale in Ecobiologia di Sapienza


 

CORSO DI ETOLOGIA (A.A. 2017-2018) “SAPIENZA” Università di Roma
Docente: Enrico Alleva

Il Corso di Etologia è un insegnamento opzionale, impartito durante il secondo semestre del terzo anno del Corso di Laurea Triennale in Scienze Biologiche, ordinamenti DM 509/99 (riformato 2006/2007) e DM 270/04 (ordinamento 2010). Possono quindi sostenere l’esame gli studenti di Scienze Biologiche immatricolati a partire dall’A.A 2006/2007.

Gli studenti immatricolati alla Triennale in anni precedenti al 2006/2007 (DM 509/99 – ordinamento 2002), possono presentare un piano di studio inserendo l’esame di Etologia, che potrà essere sostenuto SOLO DOPO l’approvazione del piano di studio.

Gli studenti del Corso di Laurea in Scienze Naturali, per sostenere l’esame di Etologia, DEVONO inserire l’insegnamento nel piano di studio: l’esame potrà essere sostenuto SOLO DOPO l’approvazione del piano di studio.

Per gli studenti provenienti da Facoltà diverse da Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, l’esame di Etologia potrà essere sostenuto solo dopo attivazione della procedura di “mutuazione”.

Per quanto riguarda gli studenti provenienti da altri Atenei, come previsto dall’art. 28 del Manifesto Generale degli Studi (disponibile alla pagina http://www.uniroma1.it/studenti, nella sezione “Manifesto”), per sostenere l’esame di Etologia devono presentare, presso la Segreteria studenti della Facoltà di SMFN di “Sapienza”: i) l’apposito modulo di richiesta (reperibile alla pagina http://www.uniroma1.it/studenti, nella sezione “modulistica”); ii) fotocopia di un documento di riconoscimento; iii) ricevuta di versamento di € 400,00 a titolo di tasse universitarie.

Per i Corsi di Studio DM 509/99 (ordinamento 2007) e DM 270/04 (ordinamento 2010), l’esame di Etologia è da 6 cfu.

Per il Corso di Studio DM 509/99 (ordinamento 2002, cioè ordinamento 509 non riformato), l’esame di Etologia è di 3 cfu.

La frequenza al Corso è fortemente suggerita, in quanto:

1. esso sarà strutturato in modo da fornire elementi professionalizzanti,
metodologie, proposte di lettura, regolare distribuzione gratuita di materiale cartaceo, ecc.

2. un contatto diretto con i docenti dà la possibilità di un interscambio, tramite domande e risposte, che può essere molto efficace per la formazione.

3. è infine, dedicato uno spazio alle prospettive di lavoro degli studenti interessati a professionalizzarsi per la ricerca in biologia del comportamento.

PROGRAMMA DIDATTICO DEL CORSO

Le diapositive sono disponibili in fondo a questa pagina sotto la voce “Allegati”

Cenni storici: Il consolidamento del metodo etologico. Il premio Nobel nel 1973 a Konrad Lorenz, Karl von Frish e Nikolas Tinbergen. Evoluzione recente del pensiero etologico: sociobiologia, ecologia comportamentale, etologia cognitiva. Neuroetologia. Elementi di biostatistica applicata alle scienze del comportamento.

Socialità: Legame sociale nei vertebrati. Aggregazione e nucleo sociale consolidato. Le società degli insetti. Gerarchie di dominanza/subordinazione e ruolo sociale. Aggressività inter- e intraspecifica. Cure parentali. Trasmissione sociale di comportamenti appresi. Comportamento socio-sessuale e corteggiamento. Primatologia.

Orientamento e Navigazione: Tropismi e tassie. Movimenti migratori di vertebrati e invertebrati. Meccanismi di orientamento e di navigazione. Recenti teorie sull’orientamento e la navigazione negli uccelli.

Apprendimento e capacità cognitive: Trasmissione culturale. Metodi di misura dell’apprendimento animale. Cognizione, motivazione, limiti adattativi. Impulsività e temperamento. Cenni di etologia umana.

Sviluppo ontogenetico del comportamento: Imprinting, periodi critici. Ontogenesi dell’apprendimento. Specie precoci, specie altriciali e stili ontogenetici. Ruolo dei geni e dell’ambiente nell’espressione del comportamento adulto. Fasi adolescenziali.

Benessere animale ed etologia applicata: Etologia e veterinaria. Pet Therapy e AAT. Indici di sofferenza psicofisica in specie d’affezione e di reddito. Metodi di promozione del benessere psicofisico nei vertebrati. Cenni di zooantropologia. Misurazione dei pattern comportamentali: l’etogramma. Comportamento canino e felino.

Si invita a consultare il sito (http://www.iss.it/neco) per:

– Ulteriori specifiche sul programma e le lezioni di Etologia

– Libri di testo consigliati

– Proposte di tesi

– Notizie in rete inerenti attività etologiche (associazioni, stage all’estero, materiale didattico accessorio, anche utile per l’esame)

VOLUME PER L’ESAME

IL COMPORTAMENTO ANIMALE. Aubrey Manning e Marian Stamp Dawkins (2015). Bollati Boringhieri editore

CAPITOLO 1
Introduzione

CAPITOLO 2
Lo sviluppo del comportamento

CAPITOLO 3
Stimoli e comunicazione

CAPITOLO 4
Motivazione e processi decisionali

CAPITOLO 5
Apprendimento e memoria

CAPITOLO 6
Evoluzione

CAPITOLO 7
Organizzazione sociale

Versione originale in lingua inglese: “AN INTRODUCTION TO ANIMAL BEHAVIOUR” Aubrey Manning e Marian Stamp Dawkins; Cambridge University Press; 2012; 6th Edition; pp. 467; Euro 46,00 circa (£ 39.99).

LETTURE CONSIGLIATE

Come letture accessorie, limitatamente a coloro i quali intendessero perseguire nella loro vita professionale una carriera in Etologia, si suggerisce la lettura del testo:

CONSIGLI A UN GIOVANE ETOLOGO di Enrico Alleva e Nicoletta Tiliacos (Appendice di Claudio Carere); Franco Muzzio Editore; Collana Nature; 2003; pp. 143; Euro 12,50

Più divulgativo, sul medesimo tema, è il saggio-intervista:

IDEE PER DIVENTARE ETOLOGO. OSSERVARE IL COMPORTAMENTO DEGLI ANIMALI di Elisabetta Visalberghi; Zanichelli; 2006; pp. 132; Euro 10,00

Per ulteriori informazioni su letture a carattere etologico, biologico e di storia (anche contemporanea) della scienza italiana si rimanda alle recensioni contenute nella sezione “Recensioni” di questo sito.

 

COME ESSERE INSERITI NELLA MAILING LIST “STUDENTI DI ETOLOGIA”

La Dr.ssa Irene Pistella gestisce la base-dati di “studenti ed ex-studenti del corso” che invia con una certa regolarità a questa mailing-list iniziative sia prettamente legate a iniziative naturalistico-etologiche che di neuroscienze comportamentali, di bioetica, e anche iniziative artistico – culturali che possano risultare di interesse

LE ESERCITAZIONI DI GRUPPO sono limitate agli studenti che frequentano diligentemente il corso: l’osservazione in natura di animali selvatici può infatti solo essere effettuata da piccoli o piccolissimi gruppi, dato che il disturbo arrecato agli animali da grandi gruppi di persone ne rende assai difficile (se non impossibile) l’avvistamento e l’osservazione ravvicinata.
Negli scorsi cinque anni, le escursioni sono state effettuate (vedi anche foto sul sito) all’oasi naturalistica WWF di Burano (GR), Villa Torlonia, Laguna di Orbetello, macchia di Ansedonia, Bioparco di Roma, ecc.. Le località sono state anno per anno concordate con gli studenti. Sul sito del Corso sono in link alcune webcam che permettono regolari osservazioni etologiche, da discutere a lezione

RILASCIO E VALIDAZIONI DI CREDITI

Il Corso e le attività ad esso associate prevedono esercitazioni di gruppo e personalizzate, che fanno parte del naturale complemento dell’attività formativa; dunque (se non molto eccezionalmente) non sono previsti crediti formativi che potrebbero invece essere attribuibili per attività concordate in precedenza con il docente (oppure con uno dei 3 “Cultori della materia” che nel 2010 lo coadiuvano). Altri 9 esperti del settore (in data 24 febbraio 2010 il CAD ha infatti limitato a un numero massimo di 3 i “Cultori della materia”) sono a disposizione degli studenti frequentanti per attività di supporto didattico mediante esercitazione: l’attività pratica resta infatti un fattore corroborante prioritario. A scanso di equivoci (ci si riferisce agli AA 2008-2009, 2009-2010), attività suggerite sia sui link del sito del corso di Etologia sia inviate alla succitata mailing- list “Studenti di Etologia”, non garantiscono di per sé l’acquisizione di punteggio di Credito: per esso infatti sono necessarie:

1) La concertazione di un progetto per il credito (di solito in passato avveniva al termine di una lezione del Corso).

2) La lettura di 2-3 articoli sulle ricerche del progetto (di solito fornito dal docente o cultore, spesso in lingua inglese).

3) L’attività formativa vera e propria (per esempio inanellamento specie migratrici all’isola di Ponza; osservazione di Salamandrina dagli occhiali in area periurbana romana; osservazione del comportamento di colombi o cornacchie in area romana e laziale, ecc.).

4) La breve verifica da parte del docente o cultore (vedi in precedenza) dell’effettiva acquisizione professionale: questa avviene mediante uno specifico, breve colloquio.

Questo formato si è consolidato basandosi sulla matura esperienza didattica e docimologica del Prof. Luigi Boitani

RICHIESTE DI TESI

Il reparto mette regolarmente a disposizione un limitato numero di possibilità per tesisti italiani e non italiani.

Trattandosi di una struttura dedicata prioritariamente alla ricerca di base e applicata, i criteri per la selezione prevedono:

– che lo studente abbia una buona valutazione, in media almeno superiore a 26.5

– che abbia già superato con profitto gli esami più affini all’argomento di tesi, inclusi esami professionalizzanti quali elementi statistici di base, ecc.

– che sia disponibile eventualmente a integrare il proprio piano di studi con ulteriori esami, al fine di perfezionare il proprio curriculum professionale.

– che abbia effettiva disponibilità di tempo per svolgere attività di raccolta-dati secondo le necessità della ricerca, eventualmente rimodulando la propria frequenza ai corsi universitari.

– Solo eccezionalmente saranno considerate “tesine” per i corsi triennali.

Tesi per la laurea triennale

Per avere un’idea dello standard, è disponibile una tesi triennale sull’argomento “Benessere psicofisico di pappagalli” (vedi tesi in Pdf per metodi di base consultando la voce “Documenti relativi” in fondo a questa pagina). Referente: enrico.alleva@iss.it

Tesi per la laurea specialistica

Per dare un’idea di come sia redatta una buona tesi etologica, è inoltre disponibile una tesi magistrale sull’argomento “Risposte collettive antipredatorie nello storno” (vedi tesi in Pdf per metodi di base consultando la voce “Documenti relativi” in fondo a questa pagina). Referente: enrico.alleva@iss.it


Riflessioni sull’A.A. 2008-2009

Nell’ A.A. 2008-2009 si è rinnovata la tradizione di concordare un “capoclasse”, sul modello p.e. di Università come Padova, che fungesse da raccordo e portavoce tra docenti, esercitatori e studenti. Quest’anno hanno svolto questo delicato ruolo di interazione Sara Privitera e (per pari opportunità) Francesco Boatta (vice-capoclasse), ambedue altamente motivati nei confronti di studi e osservazioni sul campo.

In data 24 maggio 2009 è stata effettuata un’escursione (visita gratuita gentilmente concordata con lo staff) al Bioparco e uno stage osservazionale a Villa Torlonia. E’ prevista una successiva escursione (già effettuata in corsi precedenti) all’Oasi WWF di Burano (Grosseto), con visita a un allevamento ittico e alla laguna di Orbetello.

Il corso è stato arricchito da alcuni seminari di specialisti. Quest’anno, ai tradizionali interventi del primatologo Dr. Augusto Vitale, dell’esperto in personalità animale Dr. Claudio Carere e dello psicologo animale Dr. Simone Macrì, si sono aggiunti un seminario della primatologa Dr.ssa Elsa Addessi, e una vivida (e assai apprezzata) narrazione delle vicissitudini di una studentessa (Valentina Cianca), che si è impegnata in una tesi sul campo sulle capacità cognitive di cornacchie osservate a Roma e a Camerino.

Al termine del corso, gli studenti hanno richiesto un’ulteriore lezione sul comportamento del gatto, che è stata inserita tra le attività seminariali ISS aperte agli studenti del corso.

Come tradizione, l’ultima lezione ha riguardato le prospettive professionali dell’etologia, secondo una lettura delle potenzialità strategiche di questa disciplina, vista attraverso la più generale evoluzione dei “mestieri” legata alla ricerca di base, alla ricerca applicata e alle attività che vanno incontro ai bisogni emergenti delle complesse società europee del terzo millennio.


Prima lezione 2010 (16 marzo): verso le 18.25, con Michela S. e Tommaso B. in funzione di esercitatori, ci siamo incamminati in gruppo: breve sosta a scrutare il sito di nidificazione dei Falchi pellegrini (nest-box con webcam su edificio Economia, Univ. Sapienza, il maschio era sul cornicione, accanto al nido con la femmina in cova). Alle 18.40 ca messi a contatto nel medesimo acquario in Iss un maschio e una femmina adulti di Pesce combattente del Siam: le performance di corteggiamento sono state immediate e … strepitose: se ne riparlerà prossimamente a lezione.


PROPOSTE DI TESI 2017-18

ARGOMENTI DI TESI DI LAUREA TRIENNALE
“Studio del comportamento di cornacchie e gabbiani che sottraggono il cibo predisposto per gatti di città” (zone limitrofe all’Università “Sapienza”). Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it

“Sofferenza psico-fisica nei pesci”. Richiesta presenza in laboratorio. Per informazioni rivolgersi a 

enrico.alleva@iss.it

“Studi su uccelli ospitati al centro di recupero “Ospedale degli animali”” (gestito dalla Lega Italiana Protezione Uccelli, LIPU), presso la Fondazione Bioparco di Roma. Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it

ARGOMENTI DI TESI DI LAUREA MAGISTRALE
“Comportamento di chiocciole eduli allevate in area limitrofa a Roma per evidenziare alterazioni comportamentali indotte da esposizione a neurotossici ambientali” e “Il comportamento di chiocciole del Genere Helix in funzione del contesto ecologico ed ecotossicologico”. Si tratta di tesi che fanno avvicinare il tesista alle tecniche produttive e di potenziale sviluppo economico di allevamento artificiale di chiocciole e contemporaneamente forniranno competenze su come utilizzare questa specie e altre comuni specie italiane simili come Indicatori Ecologici della qualità ambientale. Le tesi saranno svolte in sintonia scientifica con il gruppo del Prof. Loreto Rossi di Ecobiologia. Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it

“Comportamento di gasteropodi terrestri (Elix pomatia)”. Inizio immediato, durata da definire. Si richiede disponibilità a mettere a punto, con relativa autonomia, un modello per l’alimentazione controllata di molluschi adulti, da utilizzarsi per studi etologici ed ecotossicologici. Per informazioni rivolgersi a daniela.santucci@iss.it

“Fattori psicobiologici alla base di comportamenti di ricerca del rischio, disturbi nel controllo degli impulsi e gioco d’azzardo patologico”. La tesi (durata 12-18 mesi) prevede lo studio del ratto di laboratorio mediante protocolli di comportamento operante per la valutazione dell’impulsività e della propensione nei confronti dell’azzardo. Alla tesi si potrà dare un taglio più neurobiologico/neurofarmacologico o più etologico. Per informazioni rivolgersi a walter.adriani@iss.it (tel. 06 4990 3171)

“Studio del fenotipo comportamentale, e suoi substrati neurobiologici e neuroendocrini, in modelli murini mutanti per disordini del neurosviluppo (spettro autistico – gene relina, e sindrome di Rett – gene Mecp2) e interazione geni-ambiente”. Per informazioni rivolgersi a giovanni.laviola@iss.it (tel. 4990-2105)

”Analisi degli effetti di permanenze in campi ipergravitazionali di topi di laboratorio (finalizzati all’invio nello spazio di animali sperimentali e astronauti sulla International Space Station” (durata 8-12 mesi). Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it, daniela.santucci@iss.it. Si veda anche l’ indirizzo: http://www.nasa.gov/mission_pages/station/science/experiments/MDS.htm

“Analisi del comportamento sociale del topo di laboratorio: effetti dell’arricchimento infantile sui livelli di NGF, BDNF e sulla morfolofisiologia del cervello adulto” (durata 12-18 mesi). Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it, igor.branchi@iss.it

“Capacità cognitive complesse in popolazioni selvatiche di colombi e cornacchie attorno a Villa Torlonia di Roma” (durata 12-14 mesi). Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it

“Utilizzo di tecniche di Pet Therapy con cani su pazienti anziani presso una struttura IRCSS in zona Roma-Cassia o RSA” (durata 6-8 mesi). Per informazioni rivolgersi a
francesca.cirulli@iss.it


“Etologia della spigola (Dicentrarchus labrax)”. Opzionalmente prevede stage a Tarquinia e Orbetello, presso allevamenti ittici. Comportamenti socio-sessuali, schooling, pattern antipredatatori Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it

Per studenti con attività zoologiche di tipo amatoriale e pregresse esperienze su particolari specie animali, sono concordabili tesi di livello etologico su parametri comportamentali misurabili. Per informazioni rivolgersi a enrico.alleva@iss.it

Allegati

I commenti sono chiusi.